Annata 2012

L’annata 2012 è stata caratterizzata innanzitutto da una siccità storica: dopo un inverno con poche precipitazioni  protrattesi solo fino al mese di Marzo, abbiamo visto un germogliamento precoce ed alcune  piogge limitate durante i mesi di Aprile e Maggio. Questi due mesi abbastanza freschi hanno permesso un buon sviluppo vegetativo della vite, senza eccesso. La fioritura è avvenuta fra la metà e la fine di Maggio con delle condizioni climatiche buone, favorendo una buonissima allegagione. Dal 22 Maggio fino alla fine di Agosto, la stagione è stata estremamente asciutta.

La vicinanza del mare e l’altitudine alla quale si collocano i nostri terreni sono dei fattori che hanno permesso di mantenere delle temperature non eccessive durante questi mesi estivi. Invece la mancanza di acqua nei suoli ha creato uno stress idrico notevole che ha parzialmente bloccato l’invaiatura e poi a seguire la maturazione durante le prime settimane di Agosto.

Questa situazione è stata poi sbloccata con una pioggia provvidenziale avvenuta il 25  di Agosto che ha consentito una ripresa delle maturazioni  che si sono notevolmente accelerate all’inizio di settembre.

Da queste condizioni climatiche eccezionali sono risultati dei vini rossi con  gradazioni alcoliche più basse del solito (mediamente -0.5% Alc./Vol.), con tannini maturi ma abbastanza austeri, una bella trama acida per equilibrare il tutto e dei profumi rimasti molto freschi. Quindi paradossalmente le caratteristiche dei vini sarebbero più tipiche di un’annata fresca invece di un’annata siccitosa e calda come è stato il 2012.

Caiarossa